MACACO

Intrecci di ricordi in Realtà Aumentata

Ricordagli Dio onnipotente di tutte le nostre infinite chiacchierate notturne, nella grande camerata del dormitorio, sotto le lenzuola, di come bisbigliavamo di nascosto e avevamo un unico instancabile argomento di discussione: il nostro futuro. Eravamo bambini, e i bambini fanno questo, dipingono il futuro con colori che la realtà non conosce.

The Young Pope

Viviamo di ricordi, poiché questi rappresentano ogni parte di noi.
Ad ogni ricordo inoltre, noi attribuiamo delle emozioni, così da classificarli. Cos’è che determina la qualità dell’emozione? Le persone con cui viviamo quel momento e soprattutto l’ambiente circostante, quest’ultimo composto da tantissimi oggetti.
Per questo motivo le aziende si preoccupano che i loro prodotti siano di qualità tangibile e oggettiva, ma per assurdo la qualità da sola non basta.
Il valore, è il valore che interessa, seppur passivamente, alle persone. Il valore assume molteplici forme: è ciò che arriva all’utente, è la storia e l’identità dell’azienda o l’amore che c’è nel produrre il prodotto.
Comunicare questo concetto, così semplice ma così complesso, è molto difficile. Solitamente si cerca di riuscire nello scopo con le tradizionali tecniche di Advertising, che come abbiamo già visto in “Elogio del prodotto in AR”, hanno il grosso problema di interporre tra utente ed emozione una barriera dettata dalla mancanza di totale immedesimazione. In questo caso aggiungiamo anche la mancanza di completa trasmissione del valore.
Grazie a realtà aumentata e tracking, questo problema è molto semplice da risolvere.
Abbiamo avuto l’occasione di studiare un’azienda che produce lenzuola, set da bagno e set di tovaglie e tovaglioli, con tessuti preziosi e trame intricate.
La colazione, il pranzo, la cena e tutti i momenti in cui viene consumato un pasto, sono estremamente importanti. Sono fatti di intimità quando si è da soli e di condivisione quando si è insieme. Ciò che rende questi momenti gradevoli, oltre alle persone e al cibo, è Il colore della tovaglia che accompagna l’atmosfera del momento, è il tessuto che quasi risuona con la sua trama sotto le mani. Questo è il valore del prodotto che quest’azienda produce, un valore che le persone a tavola non oserebbero mai macchiare.
Ma come fa un’azienda che lavora nell’ambito B2B a comunicare tutto questo all’utente finale che usufruirà del prodotto?

Animated GIF - Find & Share on GIPHY


L’idea è quella di creare un’applicazione in realtà aumentata in cui si ha l’illusione di interagire con i vari prodotti.
La persona inquadra una superficie piana e posiziona una tovaglietta piegata, che appare totalmente bianca. Attraverso uno swipe con le dita, potrà iniziare a spiegarla sulla propria tavola, fino a quando l’avrà aperta completamente e il particolare tessuto, colore o motivo prenderà vita e si rivelerà per tutta la sua bellezza. In questo modo la persona sta vivendo il prodotto, senza nessuna barriera. Sta sentendo il tessuto sotto le mani mentre la apre, sta vivendo la nascita di un motivo e di un colore tanto studiato.

Ma l’aspetto più importante è che l’utente può finalmente interagire con il valore dell’azienda ed avere un ricordo indelebile delle emozioni che ha potuto provare grazie a quest’ultima.

Con questa strategia, anche se l’azienda opera nel B2B, aumenterà la richiesta dei suoi servizi, in quanto tutti considerano i suoi prodotti alcuni dei migliori sul mercato, senza averli mai provati.

Non smetto mai di disegnare, ma ho sempre l'altra mano libera per le shortcut, il cibo e le coccole al mio cane. Non so se amo più il cibo o il mio cane... Se proprio non sto disegnando, mi trovate a scolpire, a fallire nel bricolage, a giocare alla PlayStation, a maltrattare i programmatori, o a poltrire sul divano nella morte più totale. Ho 15 sveglie disattivabili solo dopo la risoluzione di calcoli matematici, ma comunque la forza gravitazionale del mio letto è troppo forte da contrastare. Perché oso chiamarmi artista? Perché la mia mente è sempre alla ricerca di realtà da trasformare a suo piacimento per poi trasferirle al mondo con lo strumento più esatto. Credo che ci sia qualcosa di bellissimo nel mondo nascosto anche nei suoi dettagli più oscuri e gli occhi degli artisti riescono a vederlo e a trasmetterlo a chi non ha la stessa fortuna.